inuovimostri

Il nuovo #medioevo

L’altro giorno i vaccini che fanno arricchire le case farmaceutiche e la grande o occulta chiesa santanica di BigPharma.
Poi abbiamo avuto Soros che finanzia le ONG (sataniche pure loro) che hanno messo su un servizio di taxi dalle coste africane a quelle italiane senza pagare le tasse come fanno tutti i tassisti (vero?).
Poi c’è stata la volta dell’accordo plutocratico-mondialista-templare delle ONG che stanno in combutta con l’arciduca degli scafisti libici e lo stato islamico (mettiamoci pure quello) per portare in Italia la THROGA (parole dello statista Salvini) e la GUERA (parole di Salvini, non rubiamogli il copyright).
Chissà quale complotto verrà fuori oggi.
Invece a me l’attenzione è caduta su due notizie, relegate in quinta pagina (se va bene) o al fondo delle pagine delle testate on line.
La prima: un arcimiliardario russo (bontà sua) ha commissionato e fatto costruire uno yacht da 120 metri e QUATTOCENTOSESSANTA milioni di dollari. Fatevi un po’ i conti. La colpa della crisi del pianeta di chi sarà? Di gente che scappa da guerre, fame e violazione sistematica dei diritti umani o di questi dieci paperoni che si mangiano il pianeta per avere un condominio galleggiante?
La seconda: la concentrazione della CO2 ha superato – per la prima volta da CINQUANTA MILIONI di anni le 410 parti per milione. Non serve essere uno scienziato per capire quanto questa faccenda sia grave. La concentrazione di CO2 è responsabile di quella cosa noiosissima che si chiama global warming. Il riscaldamento globale, si. Che non significa che andremo tutti i giorni in spiaggia o in piscina, significa gravi mutamenti e sconvolgimenti climatici (se il riscaldamento globale supererà la soglia dei 2 gradi di media sarà – pare – irreversibile) che non faranno che accentuare le crisi che vediamo oggi, prima fra tutte quelle dei migranti.
Nel frattempo, alla casa bianca, vediamo un tizio (milionario di dollari anche lui) che ha delle “personali convinzioni” più fondate (a suo dire) dei fatti accertati dalla scienza. E che si appresta – pare – a cancellare o compromettere fortemente i già tenui accordi sul clima raggiunti faticosamente nei quattro anni passati.
Ditemi voi: credete alla scienza o alle buffonate dei tizi che oggi rubano la scienza? Volete vivere in un’epoca illuminata e scientifica o in un medioevo?
Categorie: inuovimostri | Lascia un commento

LoveTrumpsHate

Oggi mi hanno domandato il perché ce l’ho tanto con Donald Trump. Io non ce l’ho con Donald Trump: dopo tutto, non so neanche chi sia in realtà e non sono americano. Perché allora mi importa?

Forse chi ride alle sue battute e ai suoi tweet non ha seguito la campagna elettorale americana, né le primarie di partito, prima. Se lo avesse fatto con attenzione avrebbe percepito – ma forse non condiviso – il mio punto di vista.

Donald Trump è stato eletto con circa 60 milioni di voti. DUE MILIONI E OTTOCENTOMILA voti in MENO rispetto alla diretta rivale, Hillary Clinton. E questo è il primo punto: la patria della democrazia moderna che elegge un Presidente che ha preso meno voti rispetto al rivale sconfitto. Non si parla di centinaia o migliaia di voti, ma di quasi tre milioni.

Donald Trump è un personaggio rispetto al quale il nostro Silvio Berlusconi potrebbe ambire ad essere considerato uno statista di prim’ordine. Imprenditore ricco di famiglia, ha “investito” il proprio patrimonio in una serie di imprese fallite, dalle Trump University, ai Trump Casino’, ai Trump hotel… tanto che è finito anche in bancarotta.

Donald Trump non crede ai cambiamenti climatici, all’effetto dell’attività umana sul clima del pianeta. Questa è, forse, la faccenda più pericolosa. Decine, se non centinaia di scienziati e climatologi che studiano il fenomeno dei cambiamenti climatici da decenni concordano sul fatto che l’attività umana sta producendo un aumento della temperatura media del pianeta, con effetti devastanti nel prossimo futuro, e con effetti catastrofici già oggi. Sarebbe come se vi dicessero che la Luna non è un satellite e un pianeta, ma è soltanto un’allucinazione collettiva. I cambiamenti climatici non significheranno che andremo al mare a maggio e torneremo in città a novembre, significa desertificazione, fenomeni climatici sempre più carichi di energia (ricordate i tornados sulla costa laziale dell’estate scorsa? No? Avete la memoria corta), intere popolazioni costrette alla migrazione, scarsità di risorse, di acqua… Nessuno può neanche immaginare cosa accadrebbe se la temperatura globale dovesse aumentare oltre i due gradi e mezzo: si ipotizza un processo irreversibile con conseguenze che nessuno vorrebbe neanche immaginare. Negare questo fenomeno significa condannare a un futuro nero tutto un pianeta, non soltanto gli Stati Uniti. Certo, i predecessori di Trump non hanno fatto miracoli, ma almeno l’amministrazione Obama aveva deciso di aderire ai protocolli internazionali, in modo da cercare di arginare i danni e limitare l’incremento delle temperature a livello globale entro i due gradi.

Donald Trump ha un solo dio: il denaro. Secondo la sua visione la cosa più importante sono i soldi. Il resto passa tutto in secondo piano. Forse avete sbirciato on line un video dove si vede Trump fare un sopralluogo in Irlanda per la costruzione di un lussosissimo campo da golf: ricordate come trattava la gente che si opponeva alla costruzione del resort in quanto avrebbe perso la casa?

Donald Trump ha opinioni sulle donne che fanno inorridire: su questo credo che tutti siano ben informati. E’ arrivato a dichiarare che se Ivanka Trump non fosse sua figlia … beh, lui ci proverebbe. Detto da un padre.

Donald Trump ha un atteggiamento verso la questione palestinese che costringerà il popolo palestinese a vivere come incarcerato per altre decine di anni. Ha condannato la risoluzione ONU che condannava la politica di Israele di costruire insediamenti nei territori occupati. E’ una decisione sacrosanta. E invece, no. Ovviamente Trump segue i soldi e i soldi portano in Israele, non in Palestina.

Donald Trump ha deciso che gli Stati Uniti sotto la sua presidenza cesseranno di essere il “gendarme del mondo”. Questo neanche sarebbe male, ma l’alternativa è una serie di accordi e alleanze dettate dalle convenienze del momento, con tanto di nuova corsa agli armamenti e alla costruzione di tante belle bombe nucleari, in una sorta di gara dell’orrido col suo amico Putin, altro grandissimo statista democratico.

Tutto questo vi piace? A me no. Ed è solo la punta dell’iceberg.

Categorie: inuovimostri | Lascia un commento

Domande esistenziali o anche meno

Oggi stavo guardando – alquanto annoiato, devo dire – uno dei tanti tg.

E mi sono venute a raffica una serie di domande affini alle classiche “perché siamo qui?”, “chi siamo?”, ecc.

In particolare:

– Cosa ha fatto di male questo pianeta per meritarsi Donald Trump?

– Cosa hanno fatto di male gli italiani per meritarsi Salvini?

– Cosa hanno fatto di male gli inglesi per meritarsi Farage?

– Cosa hanno fatto di male i francesi per meritarsi la LePen?

– Ma soprattutto: chi cazzo ve li fa votare questi rigurgiti?

Categorie: inuovimostri | Lascia un commento

Premio "post più vergognoso 2016" assegnato!

Oggi è il giorno del silenzio e del lutto. Per rispetto di chi è rimasto sotto le macerie, dei loro familiari, dei loro amici, di tutti quelli che stanno lavorando sodo per aiutare, per salvare vite.

C’è invece gente che coglie l’occasione, qualsiasi occasione, per fare propaganda politica. E’ il caso del senatore a cinquestelle Gianluca Castaldi, che “coglie l’occasione” per fare propaganda politica, per sparare a zero sul governo, come se per le persone che hanno perso tutto in questa tragedia, affetti e case dove c’era una vita, importasse qualcosa di Renzi, del movimento 5 stelle e compagnia bella e brutta. Quel che è più grave e assurdo è che questo post non lo ha scritto un militante, un simpatizzante del movimento. Lo ha scritto un SENATORE della Repubblica, il quale prende la palla al balzo e, ignaro del DOLORE delle persone, lascia intendere che solo loro possono “salvare il Paese”, come se la colpa del terremoto fosse del governo Renzi e come se, se loro fossero alla guida del Paese (che Dio ce ne scampi), i terremoti diventerebbero innocue vibrazioni.

VERGOGNA.


Categorie: inuovimostri | Lascia un commento

46 metri di barchetta per Beppe il pasionario.

Intanto il pasionario Beppe le vacanze in Sardegna se le fa qui sopra, ospite di povera e umile gente del popolo.

yacht-550495-660x368

Categorie: inuovimostri | Lascia un commento

Una prece per #Salvini che proprio non ce la fa.

Categorie: inuovimostri | Tag: , , | Lascia un commento

#Notriv

Di solito i referendum non mi hanno mai appassionato più di tanto. Adesso pare che il 17 aprile si vada di nuovo a votare per il referendum sulle “trivellazioni” in Adriatico. Detto in parole molto semplici: se il referendum abrogativo passa, la norma che attualmente permette il rilascio di concessioni per le trivellazioni petrolifere sarà abrogata e multinazionali del petrolio dovranno darsi pace.

Il governo del volpino Renzi ha pensato bene di spendere 300 milioni di euro solo per non fissare in un’unica giornata il voto per le amministrative (a giugno) e quello per il referendum, sperando, neanche troppo segretamente, che il 17 aprile sia una splendida giornata primaverile di sole e d’azzurro, così che il quorum non si raggiunga neanche nelle fantasie più sfrenate.

Sarei andato a votare comunque, perché il tema è davvero importante, ma ci andrò per una ragione in più: ci vado perché non mi piace l’arroganza di chi ci governa, chiunque sia…

Un governo con il coraggio delle proprie scelte, avrebbe accorpato amministrative e referendum, magari spiegando (chissà che non ce ne siano) le “buone ragioni” per l’esplorazione in Adriatico e la ricerca di giacimenti (mi vien da ridere)…

E invece si preferisce proseguire sulla brutta china degli ultimi 40 anni.

 

 

 

Categorie: inuovimostri | Tag: , , | Lascia un commento

Scene molto dignitose da una missione italiana.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/01/08/governo-in-visita-in-arabia-saudita-la-missione-finisce-in-rissa-per-i-rolex-in-regalo/2356663/

Prendo spunto dall’articolo sopra per una piccola riflessione.
Se quel che viene raccontato nell’articolo è vero, anche soltanto a metà, gli italiani, come spesso, eccellono. In questo caso, eccellono nelle figure di merda.

Tra l’altro, i pubblici dipendenti, se accettano doni di valore sostanziale o comunque sopra i 150 euro l’anno, sono soggetti a sanzioni disciplinari. Rimaniamo in attesa della loro applicazione.

A parte ciò, ricordo che nel medioevo quei poveri cristi che non avevano mezzi di sostentamento stavano per terra sotto ai tavoli a pulire i pavimenti dei ricchi che lasciavano cadere qualche osso spolpato. Ecco, facendo le dovute proporzioni è quel che è accaduto a Riad.
Con l’aggravante, se non bastasse, di aver accettato o tentato di accaparrarsi regali, offerti dai governanti di un paese in cui la pena di morte è cosa ordinaria (più o meno come una multa per divieto di sosta) e dove si viene fustigati o lapidati allegramente per aver bevuto un bicchiere di vino.
Almeno i poveri cristi medioevali si umiliavano coi potenti per fame e bisogno, questi invece perché, secondo voi?

Categorie: inuovimostri | Lascia un commento

Cinque stalle

Che spettacolo desolante.

La vicenda della banca Etruria è ormai sotto gli occhi di tutti. Padre (e fratello?) dell’attuale ministro Elena Maria Boschi risultano “implicati” in una storia che definire poco edificante è poco o nulla.

L’ “opposizione” pentasterrata chiede le dimissioni. Il ministro va in Parlamento e si difende. La sfiducia non passa proprio perché il 20% almeno dei pentasterrati non vota la sfiducia da loro stessi chiesta a gran voce.

A parte gli evidenti problemi di sdoppiamento della personalità di grossa parte dei pentasterrati, oggi ho aperto facebook e sono rimasto basito (che bella parola, non trovate?) di fronte ai commenti postati dagli habitués della rete sotto ad un post della stessa Boschi sulla sua pagina facebook. Gente che la maledice come se si faceva nel medioevo con le streghe, gente che butta là un vaffanculo perché tanto Grillo l’ha sdoganato e allora, perché no? Gente che vorrebbe decapitarla in piazza dopo, magari, averla lapidata vecchio testamento style. Certo, per fortuna, ci sono anche quelli esprimono opinioni (condivisibili o meno) ma improntate alla civiltà, senza maledizioni o promesse di vendetta, che si firmano con il loro vero nome.

Pensare che a me la Boschi non sta neanche “simpatica” e che ogni tanto mi definisco ex elettore PD. Ma di fronte a questa roba non soltanto ricomincerò a seguire la politica del PD ma Maria Elena Boschi, da ora in poi, sarà la mia eroina. Una giovane donna di 34 anni, che per meriti suoi è arrivata a ricoprire un ruolo importante, molto importante, che ha delle idee e vuole vedere se riesce a fare qualcosa di buono, ha tutta la mia stima e il mio sostegno.

Si, perché se anche il padre della Boschi fosse responsabile del 100% delle perdite che hanno subito i risparmiatori italiani dal “fallimento” delle quattro banche, forse le colpe dei padri debbono ricadere sui figli? Questa gente vorrebbe forse un paese dove se un padre o una madre commettono un illecito, anche gravissimo, dovrebbero risponderne i figli e le figlie?

Ecco perché mi tengo lontano dai pentasterrati. Perché a quella gente basta cavalcare il momento: un giorno essere pro e quello dopo contro, un giorno inneggiare a qualcuno e il giorno dopo volerlo decapitare in piazza.

Spero di non dover mai vivere in un Paese governato da quella gente. E, per il momento, grazie Ministro Boschi di avermi ridato un pò di fiducia.

Un rapido esempio basterà a chiarire che cosa intendo per “pentasterrati”:

1

 

Categorie: inuovimostri | Lascia un commento

Studio aperto, le città più calde e i consigli contro il solleone

Ci siamo. Puntualmente, poco dopo il solstizio d’estate, studio aperto apre con le solite notizie sensazionali.

La Grecia vicina al default e strapazzata dalla BCE? Mafia capitale? Il terrorismo internazionale e lo stato islamico? La disoccupazione endemica? La ripresa che arranca?

Macché! Il meteo ovviamente: si comincia con un pò di sano terrore. “Le temperature arriveranno in certi luoghi ai 48 gradi centigradi”…”Si prevedono i pronto soccorso presi d’assalto”… “C’è già chi dice di aver visto la Madonna in cielo” e così via.

Poi, si passa ai consigli pratici per salvarsi dall’armaggheddon dell’estate. Solo studio aperto è in grado di salvarvi l’anima prima dell’apocalisse. E allora si va dal “bevete molta acqua” allo “state al fresco nelle ore più calde” fino ad un sorprendente “mangiate molta frutta e verdura” ed ad un inedito “indossate vestiti leggeri”.

E io, invece, nella mia ignoranza assoluta, avevo idea di andare a correre una maratona, con la tuta da sci, con partenza alle 13,30 e arrivo non prima delle 17,30, magari intervallando con qualche breve pausa per consumare vin brulé al sole accompagnato da polenta fritta e fagioli.

Grazie studio aperto, grazie. Come faremmo senza di te.

 

Categorie: inuovimostri | Tag: | Lascia un commento

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.