Grazia, Graziella, il pregiudicato, Laretta, Brunetta e Grazie al catzo

Ieri, 18 Luglio 2014 è stato il giorno del giudizio universale, solo che non ce ne siamo accorti. O, meglio: la maggior parte degli italiani erano impegnati nelle loro incombenze quotidiane, tra far quadrare i conti e l’ultima puntata di “temptation island”, tanto per non perdere l’allenamento col trash di alta qualità.

Alle ore tredici, insomma, l’apocalisse. Da una veloce lettura del libro dell’Apocalisse, uno si aspetterebbe qualche sigillo spezzato, un angelo o due che scendono dal cielo, un meteorite impazzito, un drago a tre teste, eccetera.

E, invece, l’artefice dell’apocalisse versione 2014 è la Corte d’Appello di Milano, che alle ore 13 (subito dopo pranzo, senza pietà per i deboli di stomaco) assolve Silvio Berlusconi dalle accuse di concussione per costrizione e prostituzione minorile. Il ben noto processo Ruby, insomma.

La prima a prendere la parole, a fronte dell’annuncio della mondatura di tutti i mali del mondo, è l’eurodeputato Lara Comi, che twitta:

Immagine1 

Dall’altro della sua esperienze pluriennale e cultura giuridica, Laretta ci insegna che i processi fatti a Berlusconi non hanno senso, sono inultili, solo un inutile dispendio di denari pubblici (con cui si potrebbe, che so, allargare la platea del bunga bunga settimanale).

Tutti sanno che un processo, di primo grado o di appello, così come le indagini che portano al rinvio al giudizio, hanno come scopo proprio quello di accertare la verità dei fatti e stabilire se tali fatti integrino o meno un illecito. Non esistono “processi inutili”, cara Laretta, esistono processi con tutte le garanzie del caso (da voi forzitalioti puntualmente disconosciute non appena il giudice “osa mettere le mani” sul pregiudicato unto del Signore), il cui scopo è proprio quello di accertare come siano andate le cose. In un mondo da favola (o da incubo) come quello immaginato da Laretta, chi dovrebbe stabilire se un processo è inutile? Lei forse? Ma ci faccia il piacere.

Ovviamente, dimentichi del fatto che Silvio rimane, ahime, un pregiudicato a tutti gli effetti di legge, i nostri forzitalioti si stanno dando anima e corpo alla causa silviota, mettendo in moto la grancassa mediatica e ripescando dall’aldilà personaggi che credevamo di aver definitivamente salutato (un esempio per tutti, Giulianone). Ma d’altronde, questa è o non è l’apocalisse con tanto di giudizio universale a fare da corollario?

Lo scopo della grancassa mediatica è, adesso, far passare un messaggio: la Corte d’Appello di Milano ha assolto Silvio, dunque tutti i suoi peccati, peccatucci, ma anche gli illeciti penali sono mondati, un pò come il battesimo o l’agnello del Signore mediatico insomma.

Ed ecco, Laretta che si scatena sul twitter, come una novella Giovanna d’Arco che deve rilevare al mondo un messaggio divino, spalleggiata in questo da statisti della statura di Brunetta:

Immagine1

Insomma, l’intento di questi personaggi è farci dimenticare tutto, a partire dal fatto che Berlusconi è un PREGIUDICATO per FRODE FISCALE, è imputato in un processo a Napoli per la vicenda della compravendita dei senatori ed è altrettanto imputato in un altro processo per la vicenda Tarantini… senza dimenticare che ancora devono essere rese pubbliche le motivazioni della sentenza di assoluzione e vedremo come queste stesse motivazioni saranno valutate dalla Corte Suprema di Cassazione, cui, si spera, la Procura vorrà fare ricorso.

In ogni caso, ci sono segnali allarmanti: il PD, ormai un partito affine a Forza Italia, plaude all’assoluzione, dimentico anch’esso del fatto che le riforme che stanno portando avanti, le stanno portando avanti con un PREGIUDICATO. I giornalisti paiono già celebrare ovunque la resurrezione di Silvio e la mondatura di tutti i suoi peccati… nessuno che nelle ultime 24 ore abbia gridato il fatto che il personaggio di Arcore è, ripetiamolo, un PREGIUDICATO CONDANNATO IN VIA DEFINITIVA PER FRODE FISCALE.

Da ultimo, Brunetta, non si sa se serio, scherzoso o sotto l’effetto di un paio di litri di Barolo, chiede la grazia per Berlusconi “come risarcimento danni per tutti quello che ha sofferto”.

Stiamo scherzando, vero? E il nostro Presidente del Consiglio, di fronte a questa serie di stronzate, che fa? Tace? 

 

Annunci
Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: