Archivi del mese: giugno 2014

Happy birthday True Blue

30 giugno 1986. Un sacco di tempo, per un album che non invecchia ma migliora, un pó come il vino, insomma. 😊
Oggi, ovviamente, lo ascolterò come se fosse nuovo. Il vero amore, dopo tutto, è duro a morire 😆

Categorie: Uncategorized | Tag: | Lascia un commento

Il morso.

Mi accorgo ora di non aver scritto niente sulla “sfortunatissima” avventura mondiale dell’Italia. Facciamoci una domanda: cos’è che resterà impresso di questo mondiale nella memoria collettiva?
Naturalmente!
Il morso, la dentata, il boccone, gli incisivi, i dentoni, Dracula, zombie.
E una certezza: a nessuno dei due è piaciuto. Vedi foto.

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

la cara Santanché

BqqA9NsIEAEmIoR

Devo smetterla di passare il sabato pomeriggio a leggere i deliri della Santanché su twitter.

Poi la sera sono allucinato.

Più che altro, ogni volta che ci capito mi soffermo a pensare: questa donna merita un premio. Perché o crede davvero in quello che dice/scrive/blatera, oppure è una grande attrice. E, in quest’ultima ipotesi, è davvero un peccato che nessuno l’abbia mai scritturata. Non è mai troppo tardi. Dario Argento, mi leggi?

In ogni caso: un luminare della scienza dovrebbe investigare a fondo il caso.

E poi, vogliamo dare un consiglio a Danielona: non t’avanzavano proprio due spicci per comprarti un reggiseno? Anche uno di quelli che trovi all’oviesse, magari in saldo o difettato? No, eh?

Se volete dare un’occhiata, beh, cercate Danielona sul twitter. Poi però non venite a lamentarvi con me.

Io vi avevo avvertito.

Bonne soirée

 

Categorie: inuovimostri | Tag: | Lascia un commento

Le vite impossibili

Ogni tanto, in media una volta al mese, faccio un salto qui, per scrivere qualche amenità o magari vedere se riesco a riprendere le fila di un discorso.
Oggi passo da qui per consigliarvi un libro che ho letto di recente e che è stato un’autentica sorpresa. “Le vite impossibili di Greta Wells” di Andrew Sean Greer.

Antefatto: avevo letto che Madonna voleva trarre da questo libro un soggetto per un film (e, nonostante i miei stretti contatti con la Ciccone, non sono riuscito a sapere se realmente tornerà alla regia con questo soggetto) e avevo comprato questo piccolo libro, scaricandolo sul mio fedele Kindle e lasciandolo lì per un bel pò.

Ho quindi iniziato a leggerlo un giorno che pioveva e che mi giravano un pò (il 90 per cento dei giorni, pertanto). All’inizio ho pensato “che banalità”. Sembrava la storia drammatica (e basta) di una tizia di mezza età di fronte alla solitudine. Ma poi, al primo “colpo di teatro”, la storia, anzi le storie parallele, si dipanano e si comincia davvero a viaggiare nel tempo e, letteralmente, tra dimensioni diverse.

I personaggi sono tutti ben caratterizzati e la banalità che si può avvertire nelle primissime pagine si esaurisce ben presto.

Non mi resta che consigliarvelo. Una lettura un pò diversa e, se fate come me, potete divertirvi a immaginare chi potrebbe interpretare chi in un possibile film di Madonna.

shot-3.480x480-75

 

Categorie: libri | Lascia un commento

Blog su WordPress.com.