Archivi del mese: gennaio 2014

1Q84

Ecco, finalmente, dopo mesi ho finito di leggerlo.

In effetti lo avevo sul kindle, credo, da Gennaio 2013. Lo ammetto: per le prime 3-350 pagine l’ho trovato noioso, con un ritmo tremendamente giapponese, a metà tra un piatto di sushi (ti piace o ti fa schifo, senza vie di mezzo) e l’unico manga riuscito male.

E questo, in gran parte, è dovuto alla totale mancanza di indizi su ciò che è il tema del libro. Ad un certo punto (piuttosto presto, per la verità) ho realizzato che il libro è un intreccio di due vite, separate intorno ai 10 anni, che, forse, sono destinate a rincontrarsi dopo altri venti anni. Non male: un tema capace di tenere incollato almeno chi legge cercando sempre e comunque la vena romantica in qualsiasi storia.

Ma la storia non è poi così romantica: è cruda. Lei, Aomame, per esempio, è una killer di professione. Una killer per il bene dell’umanità, verrebbe da dire. Lui, Tengo, uno scrittore manipolato da un abile editor che finisce in una trama più grande di lui.

I due sono destinati ad incontrarsi? Ad amarsi, finalmente? Forse. Nel frattempo scopriamo che ciò che sta dietro alle quinte di una storia è molto più che la storia stessa e che l’anno 1984 non è esattamente il 1984 dopo cristo, ma un anno diverso, il 1Q84, appunto.

La prima metà, insomma, il lettore brancola un pò nell’incertezza: è una storia stile “Kill Bill” ripulito del 99% della violenza? E’ un “Via col vento” stile manga? E’ una storia ispirata al famoso “1984”? Niente di tutto questo, o almeno in parte.

Nella seconda parte il romanzo rivela sé stesso, lo fa con garbo ma in modo molto deciso ed è una bella sorpresa: chi scrive una storia rischia di creare un nuovo universo, letteramente. O forse è l’universo nuovo che crea le persone che si animano dentro di lui?

Condite tutto con una misteriosa setta, una specie di santone-criminale, un rompighiaccio appuntito, insane passioni e passatempi et voilà!

Ora, il punto è che io ho letto solo le parti che vanno da “Aprile a Settembre dell’anno 1Q84”. Quindi armatevi di pazienza perché esiste anche una terza parte (che io non ho ancora letto, ma credo che farò presto).

Emanuele

Categorie: Uncategorized | Lascia un commento

Blog su WordPress.com.